LE PAROLE GUARISCONO

  di Stefano Radaelli Cosa fa uno scrittore? Si prende cura delle parole. Le coltiva in silenzio (le parole ne hanno bisogno). Prepara il terreno, lo dissoda, prima di seminarle. Si china sulla pagina con «quell’umile cura» (Giuseppe Pontiggia), in virtù della quale rinuncia ad avverbi logori, attributi ridondanti, non sprofonda in “sabbie immobili” (espressioni svuotate…